logo

Archive for Max-

Antivirus per Mac?

Immagine 3.png

Alla domanda se serve un antivirus per i sistemi Mac, tutti rispondono che “non esistono virus per il Mac!”  Questo è vero, ma la recente comparsa sulla rete di  vari Trojan Horse (leggi l’articolo “trojan horse per MAC”) inizia a farmi preoccupare. Preso dalla curiosità ho installato iAntiVirus, un antivirus gratuito 😉 per mac, e ne ho provato l’efficacia.

Dopo pochi secondi dall’avvio il programma ha iniziato ha rilevare un certo numero di files infetti:

Immagine 2.png

Finalmente, terminata la scansione, la mia curiosità è stata appagata:

Immagine 4.png

L’antivirus ha rilevato non solo tutti gli exploit per i sistemi mac conservati sul mio pc ma anche vari programmini  potenzialmente pericolosi.

Pertanto, valutata l’efficienza del prodotto, consiglio a tutti di installarsi questo antivirus gratuito a protezione della mela.

Aggiornamento software da terminale

update.png

Per aggiornare il software da terminale si utilizza il comando:

softwareupdate

seguito dalle seguenti opzioni:

– -list

– -download

– -install

– -ignore

– -reset-ignore

– -schedule on

– -schedule off

Di default il sistema di aggiornamento è programmato in modo automatico e può essere verificato digitando:

softwareupdate – -schedule

che riporterà:

schedule.png

Con l’opzione:

softwareupdate – -schedule on (off)

è possibile attivare o disabilitare la funzione di aggiornamento automatica.

Il controllo di eventuali aggiornamenti viene eseguito digitando:

softwareupdate – -list

che può riportare ad esempio:

* iPhoto-2.0
iPhoto, 2.0, 34100K [recommended]

l’applicazione può essere installata:

softwareupdate  – -install iCal-1.0.2

o ignorata:

softwareupdate – -ignore iCal

ps (le “opzioni” sono precedute da un doppio trattino senza spazio)

Google SSL (beta)

google.png

Google ha recentemente attivato una nuova pagina di ricerca che supporta la crittografia SSL, disponibile al seguente indirizzo: https://www.google.com . Google avvisa che la navigazione con connessione SSL necessita di più tempo per impostare la crittografia tra il browser e il server web remoto, perciò le ricerche potrebbero essere leggermente più lente di quelle normali, comunque è garantito che  i risultati ottenuti con le ricerca in modalità  HTTPS saranno uguali alle precedenti.